Tutte noi abbiamo una lista di cose impossibili che vorremmo avere o fare. Alcune sicuramente in comune tra noi donne, ma per fortuna non siamo tutte uguali e i desideri possono essere diversi. C’è la materialista, la sognatrice, la realista, quella che si accontenta con poco e quella avida, quella che vive per il lavoro e quella mai contenta… e poi ci sono io… con i miei desideri alquanto improbabili…

L’armadio di Carrie Bradshaw

carrie-closet-1040kk0524102

Avevo anche scritto un post su di lei e sui suoi oufit (leggi qui—–> http://lapolly.com/carrie-bradshaw/). Perchè i suoi vestiti mi piacciono da impazzire! (anche se i suoi gusti per certi versi possono essere alquanto discutibili). Il “tipico” armadio che quando lo apri cala il sipario, si accendono musica e faretti e inizia lo spettacolo… scarpe e borse per ogni outfit, abiti bellissimi, nuovissimi e di certo che non passano inosservati. L’unica cosa che mi fa sentire meglio è che CARRIE BRADSHAW NON ESISTE!!!

.

I soldi di Chiara Ferragni

3U5A1242-copy-1024x682

Scu-scu-scu-satela…! Bellissima e ricchissima, creatrice di un blog che come simbolo aveva una Barbie e una foglia di insalata è riuscita a farne il suo lavoro diventanto così la fashion blogger più influente del mondo (con un reddito di 8 milioni di dollari!!). Una casa a Milano, un’altra nuovissima a Los Angeles (puah…), una linea di scarpe, un’altra di abbigliamento e un’altra ancora di gioielli, copertine sulle riviste di moda più famose… e scusate se ho tralasciato qualcosa ma la sua lista infinita di successi mette “leggermente” sotto i piedi la mia autostima … Di sicuro non deve far quadrare i conti a fine mese come faccio io… c’è però una cosa che posso permettermi e Chiara Ferragni no: io posso mangiare carboidrati senza sentirmi in colpa.

 

APRIRE UNA PASTICCERIA DI SUCCESSO

cupcakes-697444_960_720

Per fare i dolci e mangiarmeli, chiaramente. E non ingrassare, s’intende. Oggi ho voglia di una Bignolata, domani di una Sacher, il giorno dopo di una crostata alla frutta… detto, fatto! Voi direte: e vattela a comprare che fai prima, no? No, perchè volete mettere essere quotidianamente immersa in fondute di cioccolato, crema pasticcera, pasta di mandorla, panna montata e impastare, creare, sperimentare, assaggiare… Svegliarsi la mattina, andare al lavoro e imbattersi in profumi dolcissimi… Poi tutti quei vassoi pieni di paste e mignon assortiti… Credo che la soddisfazione sia impagabile. Lo sarebbe, per me.

 

FARE IL GIRO DEL MONDO

world-of-travel-wallpaper-768x480

Ma non alla cazzo come Giusy Ferreri e Baby K, che da Milano ad Hong Kong, passano per Londra, da Roma fino a Bangkok…  e non sono neanche il tipo della serie “zaino in spalla e via”. Mi piace organizzare bene le cose, tutto nel minimo dettaglio (…mi chiamo Ansia di secondo nome). Mi piacerebbe volare in sud America, in Estremo Oriente, negli Emirati Arabi, in Polinesia, in Egitto (che presumo ormai non vedrò mai più)… Vedere la Muraglia Cinese, il Cristo Redentore a Rio de Janeiro, Machu Picchu in Perù, le Cascate del Niagara, o ancora i bellissimi castelli sparsi nel mondo…. Credo non sia impossibile da fare, non per forza bisogna stare via dei mesi… Magari, un giorno…

 

La casa in Messico

villa-di-lusso-in-messico_76653_big

Affacciata sul mare cristallino, con piscina illuminata e stanze enormi, depandance e centro benessere… e bellissimo giardino… Ma andrebbe benissimo anche in Sardegna…sono una che si accontenta io, eh… 🙂 considerando che dovrei vivere qualcosa come 20 vite senza spese per potermela permettere e che le mie probabilità di vincere al superenalotto sono pari a 0, avendo messo sì e no una, forse due, schedine in vita mia, e che la mia fortuna con i gratta e vinci è come quella di un gatto nero che si porta sfiga da solo… beh, è e rimarrà per sempre un sogno nel cassetto.

Poi però, quando torno con i piedi per terra, mi rendo conto che in realtà ho già la vita che desidero: un marito che mi ama, una bella casa, un lavoro, una mamma fantastica con cui condivido tutto, due fratelli che adoro, una famiglia presente, 50 € nel portafoglio per andare a mangiare fuori con gli amici, Ughetto… 

Mi ritengo una persona fortunata, perchè tutto quello che io e mio marito abbiamo lo dobbiamo ai nostri sacrifici, a quelle rinuncie fatte per mettere da parte due soldi per acquistare il divano o la tv, alle ore passate in cantiere per costruire quella che è diventata la nostra casa (e chi ci sta passando adesso mi capisce molto bene) anzichè andare al mare, agli straordinari fatti al lavoro… e saper dare il giusto valore alle cose è già un lusso per quanto mi riguarda. Poi guardo quello che abbiamo creato insieme e la soddisfazione, l’orgoglio e la gioia mi riempiono il cuore. E non c’è pasticcino, Ferragni o Messico che possa reggere il confronto.

Polly.

La Polly
Seguimi!

La Polly

Anna, 30 anni, mamma di Oliver.
Buona forchetta, da piccola volevo fare la parrucchiera, l’estetista, la disegnatrice di fumetti, la cantante, la ballerina, l’attrice, la psicologa, la velina e la scrittrice. Oggi sono impiegata contabile.
Innamorata del mondo handmade, adoro le sigle di Cristina d’Avena ma ascolto volentieri anche i Metallica. E sogno di cantare “Dancing Queen” in un musical dedicato agli Abba.
Colleziono film, serie tv, libri ed e-book. Tutti rigidamente catalogati in ordine alfabetico. Un po’ fissata con l’ordine nel pc, chiavette, hard-disk… Poi vabbè… Il letto lo faccio di tanto in tanto…
Adoro leggere, scrivere, sperimentare, azzardare, curiosare ed imparare.E sentirmi figa se poi riesco ad insegnarlo a qualcuno.
La Polly
Seguimi!

Latest posts by La Polly (see all)