Oggi vi parlo di Anna e Marco, due fotografi professionisti che realizzano bellissimi servizi fotografici per la dolce attesa e per i bimbi, da quelli appena nati a quelli già un pò più grandi.

Sono rimasta letteralmente affascinata dalla bellezza e dalla dolcezza delle loro foto. Nei loro scatti questi principini e queste principessine mi trasmettono una tenerezza infinita. Sono ricordi meravigliosi da custodire nel tempo…(mi sta venendo voglia di avere un bambino e fare una gigantografia pazzesca da appendere in salotto…hihihi!!!).

Si riesce a percepire l’immensa passione che sta alla base del loro lavoro: si può essere bravi fotografi, ma se manca l’amore per quello che si fa si vedono solo delle “belle foto”, e non degli istanti di vita, delle emozioni, dei momenti indimenticabili.

“Ci siamo avvicinati quasi per sbaglio alla fotografia di di future mamme e bambine a partire dai loro primi giorni di vita, attratti dalla loro spontaneità e dalle loro particolari espressioni, rimanendo affascinati da quanto un loro ritratto riesca ad emozionare.”

“Il diventare fotografo nasce dalla passione, dall’amore verso quello che la fotografia riesce a trasmettere e dalle emozioni che i tuoi scatti riescono a risvegliare, dalle tante ore di studio e di pratica sulla tecnica, sull’attrezzatura, di tentativi e prove di luce …

Per il “fotografo di bambini” la pazienza è fondamentale … attenzione, parliamo di pazienza e non di sopportazione, la pazienza è aspettare che loro si sentano a proprio agio, aspettare che prendano confidenza con l’ambiente, con le luci e soprattutto con noi, noi che per loro siamo dei perfetti sconosciuti, ma pronti a farli divertire.

I pupazzi che fanno da contorno al set fotografico ci aiutano nel fare amicizia con i piccoli, come la musica di sottofondo che li fa divertire e ballare, serve tutto questo prima di riuscire a fare degli scatti che siano all’altezza di uno shooting fotografico”.

“Ci piace quando vediamo che un piccolino si fida di noi senza timore e inizia a fare quegli enormi sorrisi sdentati quando lo chiamiamo, oppure quando ti corre incontro per vedere sul display della macchina fotografica come è venuta la foto appena scattata, oppure addirittura quando per cambiargli d’abito non vogliono spostarsi dal set, questo è quello che riusciamo ad ottenere, questo è quello che ci dà soddisfazione e ci distingue dai “semplici” fotografi di altri soggetti”.

“Beh, tutto questo per dire che per fare questo meraviglioso lavoro di essere “fotografi di bambini” non serve solo l’esperienza e la conoscenza che sono pur fondamentali, ma ci vuole anche quel qualcosa in più che uno ha dentro, ed è il riuscire ad entrare nel loro piccolo mondo in punta di piedi e venire accolti a braccia aperte …”.

Vi lascio a qualche stupendo scatto…

Non sono adorabili questi marmocchi?? *-*

Sul loro sito potrete trovare, oltre a tantissimi e diversi shooting, anche tante informazioni sul loro modo di lavorare, nonchè utilissimi consigli su come muoversi per approcciarsi a questo meraviglioso e gratificante lavoro. Ecco il link: http://www.attimidifiaba.it/

La loro pagina facebook invece è questa: www.facebook.com/attimidifiaba

“Attraverso il mirino, colui che fotografa, può uscire da sè ed essere dall’altra parte, nel mondo, può meglio comprendere, vedere meglio, sentire meglio, amare di più.” (W.Wenders)

Polly

La Polly
Seguimi!

La Polly

Anna, 30 anni, mamma di Oliver.
Buona forchetta, da piccola volevo fare la parrucchiera, l’estetista, la disegnatrice di fumetti, la cantante, la ballerina, l’attrice, la psicologa, la velina e la scrittrice. Oggi sono impiegata contabile.
Innamorata del mondo handmade, adoro le sigle di Cristina d’Avena ma ascolto volentieri anche i Metallica. E sogno di cantare “Dancing Queen” in un musical dedicato agli Abba.
Colleziono film, serie tv, libri ed e-book. Tutti rigidamente catalogati in ordine alfabetico. Un po’ fissata con l’ordine nel pc, chiavette, hard-disk… Poi vabbè… Il letto lo faccio di tanto in tanto…
Adoro leggere, scrivere, sperimentare, azzardare, curiosare ed imparare.E sentirmi figa se poi riesco ad insegnarlo a qualcuno.
La Polly
Seguimi!

Latest posts by La Polly (see all)